Rammarico. I tifosi barasini si saranno svegliati così all’indomani della “sfida scudetto” contro la Trevigliese persa 2-1 tra le mura amiche. Per gli ospiti vero mattatore della serata è Rulli, autore di una doppietta; l’unico gol casalingo è stato segnato da Odi. Con questa vittoria, la Trevigliese compie una mini-fuga allungando a +4 la distanza che la divide proprio dai barasini.

Per questo big match, mister Tanelli mette i suoi in campo con un 4-3-3 che vede capitan Italiano in porta; difesa a 4 con Dragoni-Fondrini centrali e sulle fasce Grandi e Spaneshi; il terzetto di centrocampo è formato da Milani supportato da Bontempi e Greco; infine il peso dell’attacco ricade sul tridente composto da Constantin – Pietra e Odi.

Neanche il tempo di sedersi ai propri posti in uno stadio stracolmo (bellissima cornice di pubblico) che il risultato si sblocca : tiro cross di Arrigoni, Italiano non riesce a fermare bene la sfera che finisce sui piedi di Rulli che, a porta vuota segna il più facile dei gol. Pronti e via ed è subito 1-0 ospite. Nonostante questo avvio schock, il Sant’Angelo tenta di acciuffare il pareggio aggrappandosi ad un Odi ispirato. Nel corso della prima frazione i rossoneri possono recriminare di un rigore non dato per atterramento di Pietra che era in procinto di tirare da buonissima posizione. La partita risulta molto maschia che vede i barasini schiacciare i propri avversari nella loro metà campo, senza però trovare la via del gol. Il primo tempo termina con i rossoneri che vanno vicino al pareggio con Odi, la cui punizione al limite, finisce tra le mani del portiere Casi. All’intervallo, il punteggio dice Trevigliese avanti di uno e i padroni di casa pronti a rincorrere.

Il secondo tempo inizia esattamente come il primo, cioè, con la Trevigliese che trova il raddoppio sempre ad opera di Rulli : gli ospiti ripartono in contropiede con Arrigoni che, con il suo mancino, trova da solo in area il numero 9 che, di prima, trafigge un incolpevole Italiano. I barasini, incitati da degli ultras incredibili, si lanciano subito alla ricerca del gol che riaprirebbe la sfida. Ci prova, subito dopo, Odi che con il suo mancino al volo chiama al grandissimo intervento Casi che toglie la sfera da sotto il sette. Sarebbe stato un gol da cineteca. La partita si accende dopo che Tanelli inserisce l’idolo del pubblico Cissè al posto di un impalpabile Pietra. Il classe 1994 entra in partita con l’atteggiamento giusto e mette subito in difficolta’ la retroguardia ospite. I rossoneri non si danno per vinti e vanno vicino la 2-1 con Bontempi ma il suo tiro esce di pochissimo a portiere battuto. Dopo le numerose occasioni create, i padroni di casa trovano il gol del 2-1 : calcio d’angolo di Constantin che trova la testa di Roberto Odi che non lascia scampo a Casi. Il pubblico casalingo si infiamma e crede ad una clamorosa rimonta che, nonostante gli ingressi di Blancato e Giammbelluca, non arriva. Inoltre i rossoneri rimangono in 10 per l’espulsione per doppia ammonizione di Dragoni. A far festa, al fischio finale, sono gli ospiti che risultano i primi a sbancare il “Chiesa” in questa stagione.

Grazie a questa vittoria, la Trevigliese va in fuga : sono 4 e 5 i punti di distacco rispettivamente dai rossoneri e dal Basso Pavese (autori di un pareggio per 1-1 contro l’Acos Treviglio).

Ora bisogna cancellare questa bruciante sconfitta e pensare subito alla prossima partita per ritornare nel nostro posto : LA VETTA!

Avranno vinto una battaglia ma non la guerra. La strada è ancora lunga e, con dei tifosi così, possiamo raggiungere l’impossibile. Adoss Barasa, fino alla fine!

Prossimo Appuntamento : domenica 17 febbraio, allo Stadio Carlo Chiesa, ore 14:30 : Sant’Angelo – Cinisello

ADOSS!!

 

Di Giovanni Rusconi

 

Commenti

Gli Accrediti per Sant'Angelo - Cinisello
Pausa merenda al Bar del Ponte