Il Sant’Angelo in maglia bianca scende in campo al “Carlo Chiesa” contro il Codogno in maglia verde nel recupero della 14ª giornata di campionato e si impone per 4-0 grazie alla doppietta di Marzeglia ed ai gol di Vai e Berto.


La partita segue uno schema chiaro: i rossoneri, che necessitano di una vittoria per avvicinarsi all’ Offanenghese, dominano il gioco in fase di possesso palla e in fase difensiva alzano il pressing con i quattro giocatori più avanzati per cercare di rendere difficile l’ingresso della squadra ospite nella metà campo offensiva.


Le azioni del Codogno si sviluppano pressoché con dei lanci diretti della difesa a cercare la fisicità dell’attaccante in maglia numero “11” Zamble, che però trova sempre un’ottima opposizione dei quattro difensori e del portiere della squadra di Mister Gatti, che a fine partita si complimenterà con i suoi per gli ottimi numeri in attacco ma soprattutto per i pochi gol subiti nelle ultime partite.


Si sviluppano sulle fasce invece le azioni del Sant’Angelo, con la palla che passa sempre da Lazzaro, a cui spetta il compito di allargarla sulla sinistra per Silla e Bugno che cercano in mezzo Marzeglia e a destra per Vaglio più propenso a smarcarsi e a saltare i marcatori per cercare il tiro. La partita si sblocca al trentasettesimo minuto quando il numero “9” rossonero, fino a quel momento più impegnato in sponde che in tiri verso lo specchio della porta, dopo una fase di pressing sui difensori ospiti riesce a rubare il pallone e arrivato a tu per tu con Carriello, infila il portiere e la palla rotola lentamente oltre la linea per il vantaggio del Sant’Angelo.


La prima frazione di gioco si chiude sull’ 1-0 ed al rientro in campo bastano dieci minuti a Marzeglia, aiutato da una deviazione, per trovare il gol del raddoppio, spizzando di testa un corner battuto da Lazzaro dal lato sinistro della porta protetta dal numero “1” codognese. Dopo due minuti momento di panico al “Chiesa”, quando l’impianto di illuminazione di colpo si spegne, lasciando al buio il campo e le tribune.


La partita viene interrotta per una ventina di minuti, con le squadre che tornano in spogliatoio, approfittando di quello che di fatto diventa un secondo intervallo, per riposarsi e per il Codogno tempo utile per risistemare le idee dopo il gol subito.


Al rientro in campo con le luci ristabilite è la luce mentale della squadra ospite a spegnersi, probabilmente pagando il fatto di aver corso molto nei cinquantasette minuti giocati e che dopo essersi vista davanti ad una pausa inattesa così lunga rientra in campo scarica di energie e di adrenalina, subendo il gioco del Sant’Angelo, che diventa sempre più pericoloso ma non riuscendo nell’ immediato a concretizzare la superiorità ed a chiudere la partita.


La più grande occasione sprecata è quella del rigore che Vaglio si lascia neutralizzare da Carriello, bravo ad allungarsi e a deviare in angolo una buona battuta del numero “7” rossonero. Arriva finalmente al minuto ottantotto il gol del 3-0 di Vai, subentrato a Marzeglia, che mette al sicuro il match raccogliendo un lancio di Zingari che scavalca tutta la difesa e raggiunge sulla trequarti offensiva il numero “20” che solo davanti al portiere deve solo decidere in quale angolo della porta imbucare il pallone. Al secondo dei cinque minuti di recupero assegnati c’è spazio anche per Berto, che chiude in via definitiva la partita con un destro a incrociare sul cross di Gomez.


Grazie a questa fondamentale vittoria il Sant’Angelo si porta a due punti di distanza dall’Offanenghese a parità di partite, in attesa dello scontro diretto e più che mai decisivo per la vetta della classifica, che si giocherà domenica a Offanengo, al quale i rossoneri arrivano in ottima forma e con una carica data dai risultati e dal grande sostegno dei tifosi.

Commenti

SANT' ANGELO vs CODOGNO 4-0
ECCO GLI IMPEGNI DELLE NOSTRE SQUADRE UNDER 19, UNDER 18, UNDER 17, UNDER 16, UNDER 15 ED UNDER 14 NEL PROSSIMO WEEK END