Il Sant’ Angelo espugna il campo del Mapello all’ ultimo respiro grazie ad una zampata di Bertani su invito di Panigada. E’ questa la notizia più importante della partita disputata dai rossoneri in terra bergamasca. Una gara difficile, complicata dal gioco degli avversari che più che offendere badavano a difendere, sbloccata solo nel finale dal gol dell’ esperto centravanti barasino. 

“Squadra che vince non si cambia” recita un vecchio adagio calcistico e mister Domenicali, di fatto, conferma l’undici iniziale che era sceso in campo dall’ inizio anche contro il Mariano Calcio. Alborghetti in porta, Alpoli, De Angeli, Marioli e Barulli a comporre la linea difensiva a quattro. Cicciù, Lazzaro e Perez a metà campo a supporto del tridente Vaglio, Bertani, Silla. 

L’ inizio della gara è leggermente in salita per il Sant’ Angelo che al sesto minuto ha un brivido che gli corre lungo la schiena quando Torraca colpisce la traversa con una conclusione al volo dai venti metri. Da lì in poi la formazione rossonera non subisce alcuna azione degna di nota da parte degli avversari e nel corso del primo tempo prova, anche se con poca fortuna, a cercare il gol del vantaggio. Il primo tentativo è di Bertani che prova a sfruttare un suggerimento di Perez sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma la sua conclusione finisce fuori alla sinistra della porta difesa da Maggioni. Al 25’ è ancora Bertani a rendersi pericoloso quando sul traversone di Florindo prova la girata di testa sul secondo palo ma Maggioni nega la gioia del gol all’ attaccante rossonero con un tuffo sulla sua sinistra. Al 27’, su un corner insidioso battuto da Perez con il mancino, il Mapello rischia di bucare la propria porta da solo ma la palla termina nuovamente oltre la linea di fondo per un nuovo tiro dalla bandierina per il Sant’ Angelo. Tra il 31’ ed il 33’ sono Bertani e Vaglio a provare la conclusione da fuori area ma in entrambe le occasioni Maggioni si fa trovare pronto. Al minuto 35 un episodio che condiziona ampliamente la gara dei padroni di casa: Santinelli, già ammonito, entra in ritardo su Silla e viene ammonito per la seconda volta. L’ espulsione del calciatore del Mapello complica le cose, anziché favorirle, per il Sant’ Angelo perché gli uomini di mister Ceribelli serrano i ranghi chiudendo tutti gli spazi possibili ai calciatori rossoneri. Al termine del primo tempo il risultato è fermo sullo 0-0. 

Nella ripresa il copione non cambia con il Sant’ Angelo che cerca il pertugio giusto tra le maglie giallo-blu ed il Mapello che si difende ad oltranza. Dopo sei minuti Perez prova l’incornata sul suggerimento di Cicciù ma Maggioni blocca facilmente in tentativo dello spagnolo. Nel primo quarto  d’ora del secondo tempo il Sant’ Angelo ci prova timidamente ma il Mapello non sembra interessato a scoprirsi per controbattere all’ offensiva rossonera. Solo al ventottesimo i bergamaschi provano a scuotere la tranquillità della partita giocata da Alborghetti quando Lora ci prova dai venti metri ma spara alto. Al 34’ il Mapello ci riprova: da un rimpallo nasce una discreta occasione per il terzino destro Alessandro Ruggeri che da dentro l’area calcia al volo ma non centra la porta difesa da Alborghetti. Quando la partita sembra avviarsi mestamente verso il termine ecco il colpo di scena che nessuno si aspetta (ma che i tifosi barasini al seguito della squadra si auspicavano). Gomez suggerisce per Panigada che entrando in area sterza e con il destro tocca per Bertani che di prima intenzione scaraventa in porta l’assist del compagno. Al minuto 89 il Sant’ Angelo riesce a sbloccare il risultato e guadagnarsi quasi all’ ultimo respiro i tre punti che cercava. Dopo quattro minuti di recupero in cui non succede nulla il direttore di gara, Signor Radice della sezione di Cinisello Balsamo, decreta la fine delle ostilità: Mapello-Sant’ Angelo 0-1. 

Nel post partita hanno parlato mister Domenicali e Cristian Bertani. 

“Una vittoria nel finale che arriva dopo un buon primo tempo giocato senza mai subire niente e rimanendo anche in superiorità numerica. I nostri avversari hanno giocato una partita molto dura, una partita piena di falli, e ci eravamo detti che sarebbe stata difficile ma ce l’avremmo potuta fare. E’ difficile giocare contro squadre che rinunciano al gioco. Questa squadra, infatti, ha cercato di non farci giocare impostando anche due marcature a uomo, una su Perez e l’altra su Cicciù, rinunciando a giocare la loro partita. Poi, rimanendo in un uomo in meno, hanno ulteriormente chiuso i loro spazi. Siamo stati bravi a stare bene in campo e alla fine siamo stati premiati” ha dichiarato il mister rossonero. 

Un gol importante per Bertani che regala i tre punti al Sant’ Angelo: “Era una partita non facile e lo sapevamo. Dopo che loro sono rimasti in dieci pensavamo fosse più semplice ma non è stato così. Abbiamo ottenuto una vittoria che pesa tanto e siamo contenti anche se abbiamo già la testa a mercoledì. Siamo contenti ma non abbiamo tempo per pensare a questa partita perché tra 48 ore siamo di nuovo in campo”. 

La squadra si ritroverà questo pomeriggio al centro sportivo “Guazzelli” di Riozzo per preparare la partita contro l’ Albino Gandino in programma allo stadio “Chiesa” alle ore 20:30 di mercoledì 14 ottobre 2020

Commenti

LE CLASSIFICHE DELLE SQUADRE DELL' AGONISTICA DOPO LE PARTITE DEL WEEK END (10-11 ottobre 2020)
APERTA LA PREVENDITA DI BIGLIETTI PER SANT' ANGELO vs ALBINO GANDINO DI MERCOLEDI' 14 OTTOBRE (ANTICIPO DELLA DICIASSETTESIMA GIORNATA DI CAMPIONATO)