In settimana capitan Italiano aveva dichiarato, in conferenza stampa, di temere gli avversari, protagonisti di un buon ruolino di marcia lontano dalle mura amiche. Infatti si sono dimostrati un osso duro da battere. Nonostante un rigore sbagliato da Odi e le numerose occasioni sui piedi di Zingari e Toscani, i rossoneri si devono accontentare di un solo punto. Punto, comunque, importante per l’obiettivo dei barasini : l’Eccellenza.

Per questa giornata, mister Tanelli scende in campo con un 4-2-3-1 che vede Italiano in porta; difesa a 4 con Fondrini Dragoni centrali e Grandi e Bontempi sulle fasce; Milani e Greco hanno in mano le chiavi del centrocampo; tridente tutto estro e fantasia composto da Giambelluca – Odi e Zingari che supporta l’unico terminale offensivo Toscani.

La partita si dimostra frizzante sin dai primi minuti e vede protagonista Italiano che, con una parata delle sue, toglie la gioia del gol al giovanissimo classe 2001 Cavaliere (ottima partita la sua). Ovviamente il Sant’Angelo non si fa intimorire e, al primo affondo, ha l’occasione per passare avanti : Giambelluca sguscia in area e viene travolto da Crudo e per l’arbitro non ci sono dubbi e indica subito il penalty. Sul pallone va Odi ma sulla sua strada trova l’opposizione del portiere avversario che riesce a deviare il pallone di quel tanto che basta per farlo finire contro il palo. Nonostante questo errore, i rossoneri tentano di trovare la via del gol con Zingari ma le sue conclusioni risultano imprecise. In tutto questo dominio rossonero, gli ospiti arrivano raramente dalle parti di Italiano ma, quando lo fanno, sono pericolosi : Zumpano avrebbe tra i piedi il gol più facile della sua carriera ma, da solo davanti ad Italiano, spreca tutto calciando debolissimo. La prima frazione finisce in equilibrio, con i barasini che meriterebbero qualcosa in più.

Il secondo tempo inizia con i rossoneri vicinissimi al vantaggio con una doppia occasione nella stessa trama offensiva : prima Zingari non riesce a superare, con uno scavetto, Crudo in uscita che poi si supera sulla ribattuta di Toscani. I rossoneri non mollano la presa con Odi che, voglioso di rifarsi dopo l’errore dagli 11 metri, vede la sua incornata finire di un soffio sopra la traversa. La partita diventa, con il passare dei minuti, molto tosta e fisica con le due squadre che non vogliono lasciare nulla al caso. Le cose per i ragazzi di Tanelli si complicano, quando Toscani, per un fallo di reazione su Hazah (a cui si augura una pronta guarigione), si fa cacciare fuori lasciando i suoi compagni in 10. Il mister rossonero non vuole darsi per vinto e vuole la vittoria a tutti i costi ma gli inserimenti di Allieri Pietra non riescono a buttare giù un Bresso messo bene in campo.

Menzione d’onore agli US76 mai domi per tutta lunghezza del match. Il 12esimo uomo per eccellenza!

Alla fine di tutto, il risultato è giusto ma è il Sant’Angelo ad aver il rammarico per le numerose occasioni avute non ben sfruttate dai vari interpreti. Nonostante i due punti persi per strada, i barasini tengono ben stretta la prima posizione in classifica ma vedono alle loro spalle una Trevigliese distante solo di un punto dopo la vittoria in rimonta per 3-2 contro il Cinisello.

Il percorso è ancora lungo, ci saranno ancora da giocare 13 FINALI, 13 partite da non prendere sottogamba e da giocare come i rossoneri sanno fare : con la bava alla bocca!

 

Prossimo appuntamento : Domenica 27 gennaio 2019, ore 14: 30 allo stadio “Roberto Martinelli” : Settalese – Sant’Angelo

 

ADOSS

 

Di Giovanni Rusconi

Commenti

Sant'Angelo vs Trevigliese: c'è la data del recupero
Comunicato Ufficiale: Bentornato Andrea Zingari!